loader image

UNA NUOVA VISIONE
DEL MONFERRATO

Hic et Nunc, dal latino «Qui e Ora». Perché è «qui», a Vignale Monferrato, che abbiamo voluto iniziare a coltivare la vigna, non altrove. E lo abbiamo voluto fare «ora», mettendo da subito a frutto questa terra straordinaria.

Una terra dall’enorme potenziale
vitivinicolo non va sfruttata, ma
messa a frutto.

ESALTARE
NON CORREGGERE

chi siamo

Solo uve autoctone e solo vini monovarietali. Hic et Nunc ha deciso di valorizzare il terroir del Basso Monferrato ritornando all’essenza dei suoi vini classici: la Barbera d’Asti e del Monferrato, il Grignolino, il Cortese.

Il “nostro” Monferrato è una scelta consapevole di semplicità, vitigni autoctoni e vinificazioni nel pieno rispetto delle caratteristiche varietali, alla ricerca di un’autentica purezza di profumi e note sensoriali: abbiamo scelto uno stile “nudo”, una pulizia formale che non forza la naturale espressività del vino.

Ci piacciono i vini eleganti, che esprimono in modo
cristallino il profilo aromatico del vitigno di partenza.

chi-siamo-4

In cantina utilizziamo uno stile tradizionale, che si completa attraverso l’uso ragionato della tecnologia.

Uve raccolte nel pieno della maturità, macerazioni lunghe, fermentazioni e affinamento in botti d’acciaio, uso dei legni ridotto al minimo indispensabile, in tonneau di primo e secondo passaggio.

Cerchiamo la finezza, la capacità di meravigliare per facilità di beva, ricchezza del frutto e complessità dei profumi.

Vinificare non significa
correggere la natura,
ma esaltarla.

Gestire
l'indispensabile

100 ettari di seminativi, boschi e pioppeti, di cui 20 dedicati a vitigni locali. Vigne di barbera vecchie più di 80 anni. Solo uve di proprietà.

Hic et Nunc può contare su di una biodiversità paesaggistica rara all’interno del contesto vitivinicolo piemontese, dominato dalla monocultura. Una diversità che abbiamo deciso di preservare attraverso pratiche vitivinicole particolarmente attente al contesto paesaggistico.

Il nostro rispetto per il paesaggio si traduce nella difesa dei suoli: inerbimento dei filari, attenzione a non esasperare la compattazione e il dilavamento dei suoli, trattamenti ridotti al minimo.

Lavoriamo tutte le vigne a mano e vinifichiamo soltanto le uve dei nostri appezzamenti. Adottiamo pratiche virtuose per il controllo “termico” del vigneto, fondamentale in una fase di cambiamento climatico come quella che stiamo attraversando.

Un doppio passaggio in vigna per lo sfoltimento della chioma in base all’esposizione assicura ai grappoli di essere sempre esposti in modo adeguato: senza scottature, lesioni degli acini o, peggio ancora, arresti di maturazione. Una conduzione agronomica “ragionata” e calibrata sulla base di situazioni da valutare con attenzione vigneto per vigneto, anche in funzione dell’età e della vigoria delle piante, nonché della posizione e delle caratteristiche del suolo.

I nostri vigneti

vigneti-hic-et-nunc

Bricco

Dal piemontese “bric” (“cima della collina”), con i suoi 285 metri di altitudine, presenta terre bianche e marnose. È qui che crescono le uve del nostro Altromondo Piemonte Doc Grignolino.

Bussone

Dal piemontese “bissun” ( “biscia”): in questa area esistevano serbatoi di cemento (chiamati “trö”) la cui base si riempiva di serpentelli. Costituito da terreno bianco e marnoso, da qui provengono le uve cortese del nostro Monolite Piemonte Doc Cortese e le uve grignolino del nostro spumante brut Mète.

CA’ MILANO

Composto da terreni argillosi e calcarei, prende il nome dall’antica casa padronale qui ubicata, oggi sede del wine resort Ca’ dell’ebbro. Data la sua fresca posizione “a valle”, dalle sue uve nasce Marsia, spumante Brut Rosè a base Barbera.

BOSSOLA

Prende il nome (da «bosso») e da un boschetto, tagliato in epoca napoleonica per lasciar spazio ai filari. Il terreno rosso, argilloso-calcareo, si traduce in Barbera di carattere, da dove nasce Monumento Barbera del Monferrato Superiore Docg.

BALDEA

Coltivato principalmente a dolcetto, che l’esposizione a nord fa maturare lentamente, esaltando profumi e freschezza, ecco svelato il segreto del nostro Mondano Monferrato Doc Dolcetto.

Solino

Con ceppi che raggiungono 50 anni di età e l’esposizione in pieno sud, regala Barbera dall’ampio ventaglio aromatico, frutto e struttura superiori da cui nasce la nostra Femminile singolare Barbera del Monferrato Doc.

VASIO

Dal nome del vecchio proprietario, I suoi ceppi furono piantati prima degli anni ’40 e oggi regalano uve barbera, dai profumi intensi ed eterei per il nostro Monumento Barbera del Monferrato Superiore Docg.

DIEGO

Prende il nome dalla casa (ora distrutta) del suo primo proprietario. Costituito da terra marnosa di medio impasto, i grappoli migliori si trovano nella parte bassa ed è coltivato soprattutto a barbera.

FELICE – CÀ CIMA

Sono gli unici vigneti fuori dalla collina del Mongetto. Costituiti da un terreno argilloso di medio impasto, qui crescono le uve per il nostro Femminile Singolare – Barbera del Monferrato.

QUI, DOVE «VIGNA»
È IL NOME STESSO
DELLA TERRA

Hic et Nunc sorge a metà strada tra e Asti, Alessandria e Casale, sul confine tra Alessandrino e Astigiano, centro geografico del Basso Monferrato, luogo d’elezione di barbera e grignolino, vitigni icona di queste colline.

Siamo nel nucleo storico e originario degli antichi possedimenti aleramici, dinastia di quell’Aleramo che, leggenda vuole, tracciò i confini stessi del Monferrato divenendone il primo Marchese.

Qui anche i nomi dei luoghi svelano l’appartenenza all’antico Marchesato, congiungendo al toponimo l’orgogliosa appartenenza monferrina.

Cantina e wine resort si adagiano sulla dorsale che collega Vignale a Frassinello, un anfiteatro naturale di colline e vigneti attraversati da boschi, pioppeti, noccioleti, campi coltivati e pascoli, un paesaggio ricco di biodiversità che possiede un fascino selvaggio, primordiale e che l’Unesco, nel 2014, ha riconosciuto come Patrimonio Mondiale dell’Umanità, all’interno della core-zone Monferrato degli Infernot.

chi-siamo-mappa

Microclima

Il territorio di Vignale è attraversato dal 45° parallelo, quintessenza dell’equilibrio naturale perché a metà strada tra l’Equatore e il Polo, latitudine alla quale appartengono i migliori terroir viticoli al mondo come la Borgogna, la Napa Valley, l’Oltrepò Pavese e le aree vitate del Caucaso, le più antiche della storia. Vignale è al centro della fascia temperata, equidistante dal mare e dalla catena alpina, che lo protegge dalle perturbazioni di nord-est.

La scarsa piovosità spinge le vigne a cercare nutrimento in profondità e la buona alternanza dei livelli termici tra il giorno e la notte, specie in tempo di vendemmia, garantisce vini dai profumi intesi ed eleganti.

Suoli

I suoli, di origine marina, presentano una matrice argilloso-calcarea, con una particolarità unica.
Nel sottosuolo è possibile rinvenire blocchi compatti di calcare e arenarie dal classico colore giallo-ocra: sono le «pietre da cantone», scavate dalle popolazioni locali fin dall’antichità e utilizzate in edilizia.
Terreni poveri, ma dotati di microelementi che regalano vini di buona struttura, finezza e, grazie alla presenza di calcare, una spiccata sapidità.

SCOPRI TUTTE
LE OPPORTUNITÀ
DI HIC ET NUNC

Lasciati trasportare dalle emozioni e dalla bellezza e vivi un’esperienza unica tra le vigne del Monferrato.

I vini di Hic et Nunc

Assapora direttamente a casa tua i nostri vini e riscopri il gusto del Monferrato autentico

Le camere di Ca’ dell’Ebbro

Scopri il nostro wine resort con le sue camere dedicate ai nostri sette vitigni per completare la tua esperienza nel Monferrato con un soggiorno indimenticabile

NON SEI ANCORA ISCRITTO ALLA NOSTRA NEWSLETTER?

Non sei ancora iscritto alla nostra newsletter?
Iscriviti per non perdere nuove promo e novità dalla nostra cantina.
Iscriviti alla nostra newsletter!Ricevi subito un buono sconto del 10% da utilizzare sul tuo primo acquisto.
Accedi a promozioni esclusive per vini ed esperienze, news ed eventi riservati a te!
Preferenze Cookie